giovedì 22 marzo 2012

Imparare tedesco é...

-è riuscire a infilare il keine e il nicht nei giusti contesti, senza confonderli eccessivamente;

-è riuscire a chiamare la gente con il proprio nome ufficioso, vedi Schlampe, Scheißekerl, Arschloch, Jonkie und so weiter und so fort;

-è riuscire a conversare del tempo e sentire la Tutor esclamare, in un italiano direi quasi perfetto “ja, che tempo di merda” (certe cose non hanno prezzo, bisogna viverle);

-è riuscire a spiegare che un piatto non diventa italiano solo mettendoci il Parmesan e la rucola sopra;

-è riuscire a usare tutte le varianti colloquiali del machen: aufmachen (aprire), zumachen (chiudere), ausmachen (spegnere), anmachen (accendere), abmachen (concordare);

-è essere consapevoli che non lo si parlerá mai come un tetesco di Tcermania, ma che con la pratica ci si puó avvicinare parecchio alla meta!

-è semplicemente riuscire a raccontare cosa si è fatto nel Wochenende senza impapinarsi ogni 3x2;

E nonostante i casini, i fraintendimenti, gli occhi a rana dallo stupore e gli ahhhh, ehhhh, uhmmmm, ehmmmmm, imparare tedesco è un´avventura meravigliosissima! Che continuerá a dispetto delle figure di pippolo fatte fin´ora...e di quelle che verranno...

15 commenti:

  1. Spero di imparare il prima possibile....

    RispondiElimina
  2. "Imparare il tedesco è un'avventura meravigliosa": mo' moooo segno per i momenti di scoraggiamento, quando l'unica cosa che riesco a pensare è "imparare il tedesco è impossibboli"!

    RispondiElimina
  3. aggiungerei...
    é riuscire a ricordarsi, dopo essere riusciti nella costruzione di una intersecatissima neben Satz, di mettere il verbo in fondo....
    e´ricordarsi che i tedeschi il soggetto non lo sottintendono...
    e´ che il verbo é Position zwei!
    é che la regola e´ questa, ma si usano solo le eccezioni
    e´ ... che dai che tutti due paroline di italiano le sanno ( e ci tengono anche molto!)


    ;-)

    RispondiElimina
  4. Condivido appieno i primi due punti!
    Che ridere quando un amico ha dovuto spiegarmi per la prima volta la differenza profonda fra Schlampe ed Hure...

    E che soddisfazione pazzesca usare le varianti del verbo machen, una volta che si capisce come funziona non si smette più!! (idem con aus-, um- steigen!)

    RispondiElimina
  5. Vedrai che ce la farai, con una dose infinita di pazienza, costanza e anche menefreghismo, riuscirai a padroneggiare questa lingua tutta strana. Ich drucke dir die Daumen!

    RispondiElimina
  6. Bhe dai Eireen diciamocelo, finchè sei li che sospiri a ogni parola e ti senti un balbuziente cronico l'avventura non c'è, ma poi quando ti guardi indietro ridi delle scempiaggini che ti sono uscite dalla bocca e prendiamola come viene, ihihihih. Meglio riderci su! Che il riso fa buon sangue!!!

    RispondiElimina
  7. Ed è soprattutto imparare che anche loro fanno degli errori, basta solo tendere l'orecchio. I verbi poi sono la parte più spinosa, vengono addirittura prima di genere e numero, ma oltre una certa soglia, ripeto, bisogna fregarsene bellamente. Quando si riesce a comunicare il senso, bon, tutti zufrieden. E sono d'accordo con te, imparare tedesco è anche tutto quello che hai elencato tu, grazie per averci messo del tuo Cablog12! eheheheh

    RispondiElimina
  8. Uh e non ti dico che goduria passare tutta la pausa pranzo a fare tutta una storia della differenza che passa in italiano tra porcheria e porcata, entrambe traducibili con Schweinerei in tedesco. Solo che la parola tedesca ha soprattutto un significato positivo-ludico, in italiano mica tanto...
    Adoro le sessioni in mensa su cos'è in Italia e com'è in Germania, starei al tavolo tutto il giorno a raccontare o ascoltare. E anche loro ascoltano. Hanno uno sguardo cosi attento che ogni volta me li immagino che scrivono su un immaginario foglio mentale tutto quello che dico, per la prossima volta che verranno in Italia, cosi da fare le cose come andrebbero fatte. Il fantastico rigore teutonico...

    RispondiElimina
  9. thomas bernhard22 marzo 2012 20:01

    Io lo sto studiando intensamente: ho eliminato del tutto la tv italiana e guardo circa due ore al giorno di ZDF con i sottotitoli e i programmi orribili di RTL al solo scopo di perfezionare la sprache. Credo che nel giro di un anno sarò "bereit", livello b1 o b2 se mi va proprio bene...

    RispondiElimina
  10. stellen, zustellen, abstellen, vorstellen, erstellen, herstellen, verstellen, e chissà quanti altri. E questo è uno!
    Tendo a fare un pochino confusione con questi verbi composti.

    RispondiElimina
  11. Hallo Thomas e benvenuto sul P. Dresden. Ti faccio un bell´applauso per lo spirito da autodidatta che in questi casi ci vuole se si vuole ottenere buoni risultati in breve tempo. Ad esempio io mi sono abbottato (e continuo ad abbottarmi) di libri in tedesco, di DVD di film e anche telefilm, programmi TV e servizi della Deutsche Welle su Youtube. Vedrai che nel giro di un anno sarai al C1 se continuerai a essere costante. Mut und Geduld!!

    RispondiElimina
  12. Ciao Clarke e benvenuto anche a te sul P. Dresden. Si, quei verbi li sono una maledizione. Basta una piccola preposizione davanti e tutto il significato sballa. Per prendere i tuoi esempi: vorstellen significa sia presentarsi che immaginarsi, bestellen é ordinare qualcosa, sia al ristorante che in cartoleria per dire...e sono tutti composti del verbo stellen...solo che tra immaginarsi e ordinare ne passa...eppure basta confondere il vor con il be e il significato prende tutta un´altra piega. Di sicuro il tedesco é la lingua giusta per insegnare pazienza e precisione!!!

    RispondiElimina
  13. thomas bernhard23 marzo 2012 22:56

    Eh sì mi sto guardando centinaia di krimi con i sottotili per non udenti alla pagina 777 di ZDF...

    RispondiElimina
  14. Non c'è niente da fare, imparare il tedesco è più che imparare una lingua, è una sfida contro se stessi. Dai, ce la faremo!
    :-)

    RispondiElimina
  15. Si, possiamo anche metterla cosi e aggiungere che é pure una prova di resistenza. Ma come si suol dire chi la dura la vince e io ho tutta l´intenzione di vincere, per cui ce la faremo Bianca, auf jeden Fall!

    RispondiElimina

Non farti pregare, lasciami un commento!